Loading...

Attenzione all’interazione tra farmaci ed erbe

È opinione diffusa che l’assunzione a scopo salutistico o curativo di erbe medicinali sia innocua e di conseguenza che queste possano essere usate da
chiunque, come forma di automedicazione all’insaputa del medico curante e/o senza il consiglio di un Farmacista.

È importante ricordare che i prodotti a base di erbe officinali, contengono sostanze chimiche dotate di attività biologica. Numerosi sono i farmaci in commercio di derivazione vegetale, dall’aspirina ad alcuni antitumorali. Le erbe possono quindi avere un’attività farmaco-tossicologica, interferire con i farmaci di sintesi riducendo o potenziandone l’effetto, causare reazioni avverse o effetti collaterali.

Accanto alla farmacovigilanza gestita dall’Agenzia Italiana del Farmaco per quanto attiene le reazioni avverse causate dai farmaci, è attivo un sistema di sorveglianza che raccoglie le segnalazioni di eventi avversi relativamente ai prodotti di origine naturale.
Date queste brevi considerazioni, prima di fare uso di un qualsiasi preparato erboristico:

  • in caso di automedicazione chiedere consiglio al Farmacista in quanto l’origine naturale non è garanzia di sicurezza;
  • segnalare al Medico curante o al Farmacista se si sta assumendo qualsiasi farmaco o un altro prodotto salutistico;
  • se si è in stato di gravidanza o se si sta allattando non assumere prodotti erboristici senza una prescrizione medica.

Infine, durante l’uso di preparati a base di erbe comunicare al medico o al Farmacista qualsiasi reazione avversa

Ancora nessun commento: ma tu puoi essere il primo!  
Share This