Loading...

Centella Asiatica e microcircolo

 

La stagione estiva sospirata e attesa da molti, sinonimo di vacanze e relax, non è spesso il periodo migliore per il nostro sistema vascolare periferico.

Infatti le temperature ambientali elevate, l’esposizione al sole, le occasioni di lunghi viaggi in aereo sono fattori che mettono a dura prova le nostre vene ed il microcircolo.

Ecco allora comparire spesso senso di pesantezza e gonfiore agli arti inferiori, maggiore fragilità capillare con comparsa di ematomi e crampi.

 

È fondamentale instaurare alcune corrette regole di comportamento come:

  • evitare, nei limiti del possibile, di stare a lungo fermi in posizione eretta;
  • usare calzature traspiranti e, per le donne, evitare sia tacchi troppo alti che scarpe con suole completamente piatte;
  • fare regolare attività fisica cioè camminare di buon passo se possibile tutti i giorni per almeno mezz’ora;
  • alla sera dopo una doccia non troppo calda applicare una crema a base di estratti vegetali quali ippocastano, centella asiatica, vite rossa, ecc.;
  • curare l’alimentazione in modo che siano presenti frutta e verdura fresche, ricche di fibre e di nutrienti benefici per la circolazione;
  • rinunciare al fumo;
  • tenere sotto controllo il peso corporeo in modo da evitare sovrappeso ed obesità.

In caso di disturbi circolatori agli arti inferiori è possibile ricorrere a prodotti per via orale a base di ingredienti di origine naturale ad azione vasoprotettiva, antiedemigena, drenante,  ntinfiammatoria: a riguardo è nota e ben documentata l’attività flebotonica, capillaro-protettiva della Centella Asiatica.

Essa ha anche dimostrato effetti positivi nei processi di cicatrizzazione, di aumento della consistenza della parete vasale e di diminuzione dell’aggregazione piastrinica.
I preparati a base di Centella sono di utile impiego nelle forme di fragilità capillare, insufficienza venosa, varici, come coadiuvante tradizionale per la cellulite.

Fonti: Redazione Info Intesa – Unifarm S.p.A.

Ancora nessun commento: ma tu puoi essere il primo!  
Share This