Loading...

Ecco cosa succede ai denti quando si fuma

L’abitudine al fumo di sigaretta porta conseguenze nocive ben note sull’apparato respiratorio, ma cosa succede in bocca?
Malattie gengivali Il fumo non solo macchia i denti ma ha anche ripercussioni negative sulla loro stabilità, perché va ad intaccare il tessuto gengivale, rendendolo così più vulnerabile alle infezioni. Può persino arrivare ad erodere il tessuto osseo nella mascella, provocando la caduta precoce dei denti (piorrea).

Accumulo di batteri e di sostanze nocive
La combustione del tabacco sviluppa svariate sostanze tossiche che agevolano la proliferazione della carica batterica all’interno della cavità orale, favorita anche dalla ridotta quantità di ossigeno in bocca dovuta al fumo. Causano inoltre vasocostrizione a livello locale, con ridotto apporto di ossigeno alle gengive.

Tartaro
Le sostanze appiccicose liberate dal fumo favoriscono l’accumulo della placca batterica, la quale si insidia sullo smalto soprattutto vicino alle gengive e finisce con l’indurirsi (tartaro), favorendo l’infiammazione gengivale e lo sviluppo di carie.

Denti macchiati 
Il fumo causa colorazioni scure e ingiallimento sia dei denti naturali che delle otturazioni o delle protesi, colorazioni che solo con grande difficoltà e con interventi di igiene professionale si riescono ad eliminare. Lo sbiancamento nei fumatori ha un effetto controproducente perché aumenta la porosità dello smalto.

Alito cattivo
Il cosiddetto “alito del fumatore” è uno dei segni principali in chi fa uso del fumo di tabacco: è soprattutto dovuto alla capacità del fumo di modificare l’ambiente all’interno della bocca, in particolare interferendo con la produzione di saliva.

Lesioni precancerose
Il fumo di sigaretta irrita i tessuti molli all’interno della cavità orale e può portare alla formazione di una patina bianca o grigia a livello della mucosa della bocca: viene definita “leucoplachia” e rappresenta un’alterazione degli strati superiori
dell’epitelio che può evolvere in cancro della bocca.

Fonte: Accademia Italiana di Odontoiatria Conservativa e Restaurativa

Ancora nessun commento: ma tu puoi essere il primo!  
Share This