Loading...

Il microbioma: la chiave della nostra salute

Il microbioma è conosciuto come l’insieme di tutti i microrganismi (batteri, lieviti, virus, funghi) presenti nel corpo umano e del loro patrimonio genetico.

Da dove arrivano tutti questi batteri?
Alla nascita il neonato è privo di tali microbi e il parto rappresenta il primo contatto con questa varietà di microrganismi, che a partire  da questo momento cominciano il loro processo di colonizzazione.
All’incirca intorno ai 3 anni d’età, il microbioma dei bambini diventa stabile e più simile a quello dell’adulto. Successivamente subirà, per il resto della vita, una continua evoluzione in relazione al tipo di ambiente, alle abitudini alimentari, a condizioni come stress, assunzione di farmaci (es. antibiotici).

Tutti abbiamo uno stesso microbioma?
No! Il microbioma varia da persona a persona proprio in relazione ai diversi fattori in grado di influenzarne la composizione. Ciascuno di noi possiede un microbioma differente, quasi come un’impronta digitale.

Ma si tratta di microrganismi pericolosi?
Alcuni sono potenzialmente patogeni, altri lo diventano solo se si trovano nei posti sbagliati o in sovrannumero. La maggior parte sono invece molto utili nel programmare il nostro sistema immunitario, nel provvedere al nutrimento delle nostre cellule e nel prevenire la colonizzazione di batteri e virus nocivi.

I microrganismi presenti nell’intestino quindi sono gli stessi presenti sulla pelle?
No! Ogni parte del corpo (pelle, intestino, bocca ecc.) ospita una differente e distintiva comunità di microbi.
Il microbioma intestinale è quello che negli ultimi anni è stato maggiormente studiato, perché si è osservato che una sua alterazione è associata ad una maggiore incidenza di patologie (diarrea, infiammazione intestinale, diabete, obesità ecc.).

Fonti: Canadian Digestive Health Foundation – https://cdhf.ca
The Guardian – 2018

Ancora nessun commento: ma tu puoi essere il primo!  
Share This