Loading...

Le punture di insetti

Durante la stagione estiva aumenta l’opportunità di stare all’aperto a contatto con la natura; purtroppo è anche il periodo con una maggior diffusione di insetti quali zecche, tafani e zanzare che possono provocare fastidiose punture, causa di gonfiore, eritema e dolore anche intenso.
Non è possibile uscire all’aria aperta evitando qualsiasi contatto con questi fastidiosi piccoli animali. La miglior difesa consiste nella prevenzione e alcuni semplici accorgimenti possono aiutare ad evitare fastidiose punture.
Durante escursioni o passeggiate:

  • indossare pantaloni lunghi e maglie con maniche lunghe
  • evitare l’uso di profumi, creme per il corpo e spray per i capelli
  • non sostare in zone con ristagno di acqua
  •  usare prodotti insetto repellenti, disponibili in commercio sia per
    adulti che per bambini, da applicare sulla cute e sui vestiti seguendo
    attentamente le indicazioni riportate in etichetta (es. non utilizzare se la
    pelle è irritata, non usare sul viso e sulle mucose, lavarsi le mani dopo
    l’uso ecc.).

I repellenti sono disponibili in formulazione spray, lozione o stick e costituiscono, per periodi variabili in base alla concentrazione del principio attivo, una buona difesa. Vanno evitate le zone vicino agli occhi e alla bocca.

In caso di puntura può essere utile applicare subito un “dopo puntura”, prodotto in stick che di solito contiene oli essenziali e a volte ammoniaca, che attenuano la sensazione di prurito e rinfrescano la zona colpita.

In caso di prurito persistente può essere utile applicare creme antistaminiche e nei casi più gravi, soprattutto nelle persone allergiche, può rendersi necessario l’impiego di creme cortisoniche di autocura (OTC) o soggette a prescrizione medica.

Le zecche possono essere un pericoloso agente di trasmissione di malattie infettive, quali la Borelliosi e l’Encefalite. La Borelliosi o malattia di Lyme è dovuta all’infezione da parte di un microrganismo che causa un caratteristico eritema dopo 7 giorni dal morso e necessita di intervento medico per la prescrizione di una cura antibiotica. Per l’Encefalite, che può avere esiti anche molto gravi, esiste un vaccino che deve essere prescritto e somministrato dal medico e che si può acquistare in Farmacia.

  • le zecche vanno tolte prima possibile perchè se rimangono in sede per meno di 12 ore, la probabilità di infezione si riduce sensibilmente.
  • annotare la data e stare sotto attento controllo nel periodo successivo, al fine di registrare altri sintomi.
Ancora nessun commento: ma tu puoi essere il primo!  
Share This