Loading...

Occhio al pidocchio!

Il pidocchio del capo vive sul cuoio cappelluto e ha una vita media di 17-28 giorni. Le femmine fecondate depongono le uova le quali si fissano saldamente alla base del capello grazie a un secreto molto colloso e non solubile in acqua. Questo liquido le cementa alla radice ed è la ragione della loro difficile rimozione. La “ninfa” rappresenta la forma immatura del pidocchio e diventa adulta in 7-13 giorni. L’insetto adulto femmina è più grande del maschio e depone uova fino a 10 volte al giorno, alla temperatura ottimale di 32°C (per questo sono più colpite la zona retro-auricolare e quella dietro la nuca). I pidocchi si nutrono di sangue umano e con il loro morso iniettano un liquido irritante che è responsabile della sensazione di prurito.

Lontano dall’ospite sopravvivono solo 1-2 giorni. La certezza dell’infestazione si ha solo quando si trova il pidocchio vivo, infatti la presenza di lendini non indica di per sé la presenza del pidocchio, né che la lendine sia vitale (le lendini a più di un centimetro dal cuoio cappelluto non sono vitali).

Vantaggi dell’utilizzo del pettinino:

  • permette di individuare pidocchi e lendini molto più che non la semplice ispezione;
  • aiuta a differenziare le lendini dalla forfora e a rimuoverle con maggior efficacia: le lendini al contrario della forfora non si staccano dal capello quando lo si fa scorrere tra le dita.

Per pettinare in maniera corretta è necessario porre il pettinino a piatto sul cuoio cappelluto e pettinare i capelli dalla base alla punta, facendola scorrere con decisione. Un pettine normale non basta perché i denti sono troppo distanti per strappare via le uova dal capello.

Ancora nessun commento: ma tu puoi essere il primo!  
Share This