Loading...

Estate in salute, anche per i più piccoli.

 

Tempo d’estate e di vita all’aperto per grandi e piccoli, tuttavia alcune situazioni richiedono la nostra attenzione per la salvaguardia della salute soprattutto di bambini e lattanti.
Ondate di calore: nei bambini, a causa di una minore capacità di termoregolazione, il caldo eccessivo può causare un rialzo della temperatura corporea. Muoversi e giocare in libertà causa un aumento della sudorazione che può portare a  disidratazione.

È quindi opportuno:

  •  far bere spesso i bambini;
  • allattare i neonati con più frequenza;
  • proporre un’alimentazione ricca di frutta e verdura;
  • mantenere freschi i locali dove si soggiorna.

Esposizione al sole: la pelle del bambino è delicata e suscettibile alle scottature e l’esposizione ai raggi UV in età pediatrica è associata ad un aumentato rischio di tumori della pelle e cataratta nell’età adulta.

È consigliabile:

  • sotto i sei mesi non esporre mai i piccoli al sole diretto;
  • ogni due ore e dopo ogni bagno applicare una crema con SPF elevato (50+);
  • usare occhiali da sole con lenti con filtri UV;
  • non dimenticare di proteggere labbra e orecchie;
  • evitare di uscire nelle ore più calde della giornata.

Sicurezza alimentare: le alte temperature favoriscono la contaminazione degli alimenti con conseguente rischio di intossicazioni e gastroenteriti ed inoltre nel caso di diarrea o vomito, i bambini, rispetto ad un adulto, sono più a rischio di disidratazione.

  • Evitare di lasciare fuori dal frigo cibi deperibili soprattutto latte e latticini, carne, pesce;
  • cuocere i cibi di origine animale;
  • lavare bene frutta e verdura specie se consumate crude;
  • lavare sempre mani, utensili e piani di lavoro.

Ozono e qualità dell’aria: soprattutto nelle aree urbane in estate aumenta l’ozono, particolarmente irritante per le vie aeree dei più piccoli. Per evitare tosse e irritazione, in città uscire preferibilmente al mattino quando la concentrazione di ozono è più bassa ed evitare le zone con molto traffico.

Tenere presente che i bambini d’estate trascorrono molte ore all’aria aperta e per questo hanno bisogno di qualche  attenzione in più rispetto ad un adulto: se sono presenti patologie o se si identifica una condizione anomala chiedere sempre consiglio al Medico o al Farmacista.

Fonti:
www.apss.tn.it
www.ulss.tv.it

Ancora nessun commento: ma tu puoi essere il primo!  
Share This